regolamento dolomiti rescue race 2019

Share with Facebook! Share with Google+! Share with Twitter! Share with LinkedIn!

  • l’organizzatore è il soccorso alpino e speleologico veneto (s.a.s.v.) del corpo nazionale soccorso alpino e speleologico (c.n.s.a.s.), ovvero la 2° zona delegazione dolomiti bellunesi - stazione c.n.s.a.s. di pieve di cadore.
  • i partecipanti devono essere obbligatoriamente iscritti al corpo nazionale soccorso alpino e speleologico o al bergrettungsdienst (b.d.r.) dell’avs, in qualità di soci ordinari tecnici o equivalenti per il b.d.r., in possesso delle relative qualifiche o mantenimenti previste dai rispettivi piani formativi. infine, i partecipanti possono essere iscritti ad equipollenti enti dello stato o organizzazioni di soccorso alpino estere (cisa-ikar).
  • le squadre c.n.s.a.s. potranno essere formate da volontari e aspiranti volontari iscritti a stazioni, delegazioni, servizi regionali e provinciali diversi, ovvero potranno essere formate liberamente anche quelle contemplate all’art. 2 purché appartenenti allo stesso ente o organizzazione.
  • le squadre devono essere composte da quattro persone ed ogni partecipante deve avere al seguito il presente materiale individuale omologato ce:
    • casco, imbrago,kit ferrata omologato (non longe di corda singola a due rami)
    • n. 2 moschettoni con ghiera a doppio movimento
    • n. 2 moschettoni
    • n. 1 discensore
    • n. 1 cordino in kevlar ad uso autobloccante
    • n. 2 cordini o fettucce ad anello chiuso (n. 1 da ca. 60 cm. e n. 1 di ca. 120 cm.)
    • abbigliamento e calzature, secondo discrezionalità, ma in ogni caso adatti alla stagione,
    • al terreno di gara e al più complessivo scenario ed ambiente.
  • la squadra deve anche essere dotata di:
    • barella da soccorso alpino, omologata per soccorso in parete (no barelle sanitarie tipo cucchiaio e/o tavola spinale), da lasciare all’organizzazione che la farà trovare all’ultimo km di gara
    • n. 2 corde omologate come singole da almeno 60 mt. da portare per tutto il tragitto (le corde devono essere con i capicorda marchiati ed integri con i dati e l’omologazione del costruttore)
    • n. 2 carrucole semplici
  • la partenza avverrà in linea ed il tempo di percorrenza sarà calcolato sull’ultimo componente della squadra che transiterà sulla linea d’arrivo
  • il numero di pettorale dovrà essere esposto in maniera visibile e riconoscibile nel corso di tutta la durata della gara
  • sarà cura dell’organizzatore controllare tutta l’attrezzatura ed il materiale di ogni singolo e di ogni squadra, prima della partenza e all’arrivo. in caso l’attrezzatura ed il materiale non sia conforme o sia parzialmente o totalmente mancante a quello disposto dal presente regolamento l’organizzatore si riserva di penalizzare o escludere la squadra dalla competizione
  • durante la gara i componenti di ogni squadra dovranno procedere a vista e ricompattarsi nei vari punti di controllo allestiti lungo il percorso, questo come spirito di unità che caratterizza il gruppo rappresentato
  • lungo i tratti attrezzati del percorso saranno presenti dei giudici di gara che controlleranno che le squadre procedano sempre assicurate alla corda fissa. gli atleti non legati alle corde fisse causeranno minuti di penalità alla squadra che verranno comunicati all'ufficio direzione gara.
  • la manifestazione si svolgerà con qualsiasi condizione meteorologica, fatto salvo che le stesse condizioni non pregiudichino la sicurezza dei partecipanti e ciò verrà deciso secondo insindacabile giudizio dell’organizzazione al pari dell’eventuale modifica del tracciato di gara. potrà essere variato il tracciato anche in base al numero di partecipanti alla gara.
  • i partecipanti, oltre ad essere in possesso delle previste idoneità, devono essere assicurati obbligatoriamente con idonee polizze infortuni. l’organizzatore garantisce in ogni caso idonea polizza di responsabilità civile contro terzi (rct).
  • all’atto dell’iscrizione della squadra e/o delle squadre il presente regolamento si ritiene accettato in ogni suo punto, declinando l’organizzazione da qualsiasi danno occorso ai partecipanti o creato dagli stessi a terzi e/o a cose.